Guida completa sulle Stablecoin 2020 - Un campo di battaglia mondiale

Questa pagina è tradotta automaticamente. Apri la pagina in lingua originale.
Apr 27, 2020 1
Guida completa sulle Stablecoin 2020 - Un campo di battaglia mondiale

Nel 2017, le criptovalute stabili (stablecoin) sembravano esotiche sullo sfondo di criptovalute volatili come Bitcoin, quindi nel 2019 erano al centro di eventi politici mondiali: la sconfitta del progetto Bilancia da parte del governo degli Stati Uniti, la condanna internazionale di non -stablecoin governativi al vertice del G7, intensificazione del lavoro sulla creazione di valute statali stabili in Europa, Cina, ecc. Perché si muovono attorno a valute stabili? Lo stato tenterà di schiacciare questa classe di attivi con la forza o di entrare in concorrenza con essa? Quali valute stabili sono popolari oggi e quali sono le loro prospettive?


2014-2017: come è iniziato tutto

Quando nel 2013 il mondo intero ha appreso del Bitcoin, molte persone con opinioni libertarie hanno visto in esso il Santo Graal di un libero mercato non statale. Ma gli economisti hanno notato che BTC non ha tutte le proprietà di un buon mezzo di pagamento, di cui Friedrich Hayek scrisse una volta.

Il punto di forza di BTC risiede nella sua capacità di esistere in modo affidabile senza uno stato, ma la debolezza risiede nell'estrema instabilità del tasso (volatilità). L'emissione di BTC e altre classiche criptovalute è algoritmicamente limitata e prevedibile. Per questo motivo, non possono essere svalutati dall'avvio improvviso della macchina da stampa, ma i tassi sono estremamente dipendenti dai capricci del mercato: la rete è priva di un meccanismo centralizzato per la soppressione di pompe, discariche e bolle. Se qualcuno utilizza BTC come mezzo di pagamento, è consigliabile che trascorra il minor tempo possibile tra l'acquisizione di BTC e la sua spesa, altrimenti si potrebbe diventare vittima di un altro improvviso crollo del tasso.

logo
Scambia criptovalute al miglior prezzo in pochi minuti

Nel 2014 sono iniziati i primi progetti stabili di criptovaluta: CoinoUSD (XUSD), NuBits (USNBT) e BitUSD (BITUSD). Tutte e tre le valute, come suggerisce il nome, sono legate al dollaro. Tuttavia, la stabilità dei primi due si basava su una "parola onesta", e i progetti fallirono. Ma BITUSD ha utilizzato il fondo di riserva nella volatile criptovaluta BitShares (BTS) per stabilizzare il tasso di cambio e la sua stabilità si è rivelata molto più elevata di quella di altri pionieri.

Nel 2015 è stata lanciata la prima stablecoin davvero famosa: Tether (USDT). Come BITUSD, è stato ancorato al dollaro e utilizzato un fondo di stabilizzazione. Le differenze principali consistevano nel fatto che il fondo era costituito da dollari reali e la stessa valuta aveva un unico emittente: la società Tether Limited, che ha stretti legami con lo scambio di criptovalute Bitfinex.

A differenza della maggior parte delle altre criptovalute, l'USD si è rivelato centralizzato e legato a una società specifica. La centralizzazione e la rapida collaborazione con Bitfinex, Poloniex e altri grandi scambi hanno permesso di promuovere il progetto e molto più avanti dei concorrenti. Nel 2017 l'USD si è rivelato essere un monopolista di fatto tra le valute stabili.

 

2018: non solo da Tether

Entro la fine del 2017, la capitalizzazione dell'USD ha superato $ 1 miliardo, ma questo successo ha portato a uno scandalo: se ogni USDT viene fornito con un dollaro reale, dove Tether Limited memorizza questo importo? Per un po 'la compagnia evitò una risposta, ma quando l'opacità minacciò la sua popolarità, alcune carte dovettero essere rivelate: esiste ancora un fondo di riserva. Tuttavia, fino ad oggi non è chiaro se ora fornisca completamente la capitalizzazione di 4 miliardi di dollari.

Nel 2017-2018, sono apparsi diversi nuovi progetti di criptovalute stabili, progettati per risolvere i problemi dei loro predecessori.

Una delle indicazioni era quella di copiare l'esperienza USDT, ma di rendere la valuta più trasparente e strettamente legale. Quindi c'erano USD Coin (USDC), True USD (TUSD), Paxos Standard (PAX). Sebbene anche società private come Coinbase e Paxos abbiano preso parte alla creazione di queste valute, le monete si sono rivelate meno centralizzate (ad esempio, consentendo a diversi emittenti) e i loro fondi di riserva sono stati aperti a controlli periodici. Ma il rovescio della legalità di queste monete era il loro vero non anonimato: i venditori sono tenuti a seguire la procedura di identificazione.

Un altro esempio di valuta legale con riserve trasparenti nelle attività tradizionali è Euro Stasis (EURS). Dalle monete di cui sopra, si distingue per un'associazione all'euro e non al dollaro. Inoltre, EURS ha una giurisdizione maltese, in cui l'atteggiamento nei confronti delle criptovalute è più liberale che negli Stati Uniti.

Notiamo anche la moneta Digix Gold (DGX) della Digix Decentralized Autonomous Organization (DAO). Non è affatto legato alle valute, ma all'oro.

Un'altra direzione per lo sviluppo di monete stabili è stata la prenotazione non in attività tradizionali, ma in criptovaluta. Allo stesso tempo, il massimo decentramento mantenendo l'anonimato. Sebbene il pioniere di lunga data di questo approccio, BITUSD non abbia guadagnato popolarità, l'idea di riservare in criptovaluta ha i suoi vantaggi. Le riserve di criptovaluta sono volatili a causa delle fluttuazioni dei tassi di cambio, ma sono più convenienti da usare e consentono una migliore automazione profonda attraverso contratti intelligenti.

L'esempio più famoso di una valuta moderna con criptovalute è Dai (DAI) di DAO Maker. Qui, l'etere viene utilizzato come backup, i cui contratti intelligenti garantiscono la trasparenza del sistema. Oggi, DAI è considerato uno dei migliori esempi di un approccio veramente decentralizzato tra blockchain. Nello scambio NASDAQ, il token Maker (MKR) fa parte dell'indice EXANTE DeFiX.

2019: criptovalute stabili: una minaccia per l'ordine mondiale?

Nel 2019, l'USDT è stato fissato sulla quarta riga del rating mondiale delle criptovalute per capitalizzazione. Inoltre, nessuno dei suoi concorrenti è stato in grado di entrare nella top ten.

Il mercato delle stablecoin ha smesso di essere monopolizzato come nel 2017, ma i suoi partecipanti si sono trovati di fronte a una scelta: utilizzare il popolare, ma centralizzato e scandaloso USDT - o più trasparente, ma molto meno popolare USDC, DAI, ecc. Era logico aspettarsi la comparsa di un nuovo progetto, che combina affidabilità legale e potenti opportunità di marketing. Si è rivelata una Bilancia valutaria stabile da Facebook.

Con una base di utenti da un miliardo di dollari, la Bilancia ha avuto ottime possibilità di superare i concorrenti e persino di scuotere la posizione delle valute nazionali, incluso il dollaro. La Bilancia come moneta non statale, ma stabile potrebbe essere più vicina all'ideale di Hayek che al bitcoin o all'etere volatile. Sebbene, dal punto di vista degli ideali del libero mercato, l'attaccamento a una gigantesca corporazione sia uno svantaggio, una parte significativa della popolazione farebbe facilmente i conti con essa in cambio della stabilità del tasso di cambio e della libera circolazione delle monete tra confini dei paesi.

Tuttavia, al dollaro non piace essere sfidato dalla sua egemonia. Se a giugno la Bilancia sembrava un'offerta seria per la ridistribuzione del potere finanziario mondiale, a luglio i politici americani hanno effettivamente bloccato il progetto. Il presidente Trump e il ministro delle finanze Mnuchin hanno criticato le criptovalute per il loro coinvolgimento in attività illegali. A Facebook è stato richiesto di ottenere una licenza bancaria e di giocare secondo le regole tradizionali senza rivendicare il ruolo della "seconda FED". Le audizioni parlamentari sulla Bilancia non hanno avuto esito positivo e una proposta di legge che vieta alle più grandi società di emettere criptovalute è stata sottoposta all'esame dei membri del Congresso.

L'epopea con la Bilancia non solo ha interferito con i piani di FB, ma ha anche gettato un'ombra su tutti i progetti privati ​​di valute stabili. In una riunione del G7, un fronte unito ha criticato iniziative come le minacce alla stabilità mondiale. È stata una coincidenza o no, ma subito dopo il vertice contro Tether e Bitfinex è stata intentata una causa senza precedenti per oltre $ 1 trilione, il che potrebbe benissimo portare al fallimento delle società.

Un'altra tendenza nel 2019 è stata un forte aumento degli interessi nelle criptovalute statali. Compreso - come potenziale arma delle banche centrali contro stablecoin non statali.

Le blockchain statali promettono molti vantaggi per i governi. Possono combinare la convenienza di transazioni come criptovalute, stabilità dei tassi di cambio e affidabilità legale come Fiat, nonché possibilità potenzialmente illimitate per controllare la circolazione dei fondi. Tutte queste opportunità sono state discusse per più di un anno, ma fino a poco tempo fa i governi non si sono precipitati a tali progetti.

L'eccezione è stata la blockchain pro-venezuelana Petro, che ha solo screditato l'idea di una criptovaluta statale: non era possibile mantenere un percorso stabile, nessuno ha sviluppato "giacimenti petroliferi" di riserva e, in molti casi, Petro è stato imposto con la forza persone, impedendo loro di utilizzare alternative.

Tuttavia, la minaccia della Bilancia e progetti simili hanno riportato l'attenzione dei politici sulla criptovaluta. A ottobre, un gruppo di banchieri tedeschi ha invitato i funzionari dell'UE a unire le forze per creare un euro digitale. Quindi la leadership cinese ha annunciato grandi progressi nello sviluppo del renminbi digitale. E a novembre, è stato annunciato la possibilità di introdurre una blockchain interstatale per i paesi BRICS.

Con alta probabilità, ora non è solo con dichiarazioni politiche, ma anche piani reali. In effetti, nonostante il fallimento della Bilancia, ci sono già diverse stablecoin popolari non statali nel mondo, e non tutte possono essere vietate con una semplice decisione delle autorità di regolamentazione. Se prima o poi i cittadini avranno un'opzione interessante per una valuta globale non statale stabile, allora sarà saggio per i governi avere non solo argomenti forti, ma anche un'alternativa competitiva. Nelle questioni in cui l'anonimato è importante, la popolazione preferirebbe una blockchain privata, ma dove l'affidabilità è più importante (inclusa, ad esempio, la reversibilità di pagamenti errati a un truffatore rivendicato), la valuta del governo rimarrebbe preferibile.

2020: Cosa attende le stablecoin?

Nonostante la tendenza generale "per le stablecoin statali, contro quelle non statali", sarebbe ingenuo credere che il mondo si trasformerà presto in un "campo di concentramento finanziario digitale", dove l'unico mezzo di circolazione saranno le blockchain statali con il controllo di Tutte le transazioni.

È molto probabile che nel 2020 assisteremo a una sfilata di progetti statali con valute stabili. Ma è improbabile che questo sia accompagnato da una dura lotta con tutti i concorrenti.

Sebbene il vertice del G7 si sia espresso contro valute stabili di per sé, l'obiettivo principale delle agenzie governative di oggi è rappresentato dalle stablecoin di società specifiche. Il progetto Bilancia è stato ovviamente inibito a causa del timore delle dimensioni dell'azienda e della sua potenziale trasformazione in un superstato virtuale. Per quanto riguarda Tether, su scala ridotta, è ancora a disagio con la sua combinazione simultanea di centralizzazione attorno all'azienda, opacità e anonimato.

A causa della loro trasparenza e legalità rigorosa, è improbabile che progetti come USDC, USDT o EURS debbano affrontare la repressione statale: rispettano le regole. La loro capitalizzazione totale si sta già avvicinando a $ 1 miliardo.

Il destino di sistemi decentralizzati come DAI rimane più incerto. Da un lato, è molto più difficile vietarli rispetto ai progetti aziendali. D'altra parte, non rivendicano il ruolo di nuovi centri di potere. Minacciano il potere delle banche centrali, ma non per trasferirlo a qualcun altro, ma per "disperderlo nell'aria". Forse sono "nemici dell'ordine mondiale", ma chiaramente non "nemici numero 1". E quindi ... forse alla fine vinceranno. Sebbene DAI abbia finora una capitalizzazione di $ 60 milioni, la capitalizzazione del suo sviluppatore, Maker DAO, ha già superato i 500 milioni. E, a differenza delle capitalizzazioni della maggior parte delle blockchain, è cresciuto solo a novembre.


Cosa ne pensi? Condividi nei commenti e seguici su Twitter!
Resta sintonizzato con Cryptogeek e segui il blog di criptovaluta insieme e non perderai le ultime notizie!

Le opinioni e le valutazioni espresse nel testo sono le opinioni dell'autore dell'articolo e potrebbero non rappresentare la posizione di Cryptogeek. Non dimenticare che investire in criptovalute e fare trading in borsa è associato al rischio. Prima di prendere decisioni, assicurati di fare le tue ricerche sul mercato e sui prodotti che ti interessano.


Alli
26 January, 7:19 PM
The idea of stable coin contradicts the point of the crypto market. It could be profitable for a while, but I thought the main ideological aim of the crypto market is destroying the common bank-money system. There is a lot of something to think about. What if the dollar goes down and how the cryptomarket should react then? If there's less relation between cryptomarket and the Jamaican monetary system then it means bigger independence and variety.