In che modo gli exchange assicurano i fondi dei propri utenti? Guida completa

Questa pagina è tradotta automaticamente. Apri la pagina in lingua originale.
Apr 23, 2020 0
In che modo gli exchange assicurano i fondi dei propri utenti? Guida completa

Sullo sfondo dello sviluppo del mercato degli asset digitali e dei crescenti attacchi degli hacker agli scambi di criptovaluta, sorge una domanda conseguente sulla protezione dei fondi. Proviamo a capire come ora gli scambi assicurano i fondi dei loro utenti e se dovremmo aspettarci l'introduzione di regole assicurative simili ai mercati finanziari.

L'anno della bandiera

L'anno scorso è stato un record per il mercato delle criptovalute per il numero di hack e attacchi agli scambi. Il numero di criptovalute rubate nel 2018 è aumentato di 13 volte rispetto all'anno precedente. Il numero di fondi rubati ammontava a $ 2,7 milioni in criptovalute al giorno, o $ 1860 al minuto.

Il più grande di tutti gli hack nel 2018 è stato l'hack di Coincheck. Dallo scambio giapponese, gli hacker sono riusciti a rubare più di $ 530 milioni in criptovaluta NEM. Questo hack si è rivelato essere $ 80 milioni più costoso dell'hack Mt Mt, precedentemente noto come il più grande hack di criptovaluta della storia. Questo hack ha portato al fallimento dello scambio, ma dopo non ci sono state storie di alto profilo con BitGrail, Coinrail, Bithumb, a seguito delle quali gli utenti hanno perso un cripto del valore di oltre $ 260 milioni.

logo
Scambia criptovalute al miglior prezzo in pochi minuti

Nonostante il fatto che nel 2018, circa 1 miliardo di dollari in equivalente di criptovaluta sia stato rubato in totale, non è stato trovato un singolo colpevole coinvolto nella pirateria informatica. In questa situazione, ogni scambio solleva la questione di come proteggere se stessi e il denaro dei propri utenti.

Sicurezza garantita ai fondi degli utenti

L'assicurazione di scambio di criptovaluta è stata a lungo disponibile negli Stati Uniti. Uno dei primi scambi che ha iniziato a garantire i fondi dei suoi utenti è stato Coinbase. Il sito collabora con i Lloyd's di Londra dal novembre 2013. Nell'aprile di quest'anno, la direzione dello scambio ha dichiarato che i loro portafogli caldi erano assicurati per $ 255 milioni. In termini di assicurazione, copre, comprese le perdite derivanti da un attacco di un hacker, l'hacking e il furto - lo scenario più probabile per la perdita di beni.

Tra i crescenti attacchi agli scambi sudcoreani, l'ente di regolamentazione locale Fair Trade Commission (FTC) ha modificato i requisiti per le piattaforme, obbligandole ad essere responsabili nei confronti degli utenti per la perdita di fondi a causa di attività fraudolente o guasti tecnici. La principale differenza rispetto alle regole precedenti è che ora gli scambi sono obbligati a compensare eventuali perdite, anche se la loro colpa non è stabilita in quello che è successo. In precedenza, il risarcimento veniva fatto valere solo se era stata dimostrata la colpa degli scambi per perdite e furti.

Prima di questo, alcuni scambi sudcoreani erano già assicurati. Ad esempio, Bithumb ha due contratti assicurativi, uno con Hyundai Marine & Fire Insurance e l'altro con Heungkuk Fire & Marine Insurance. Tuttavia, entrambi non hanno coperto il danno in caso di pirateria informatica, ma solo le perdite associate alla violazione dei servizi di informazione e alla perdita di informazioni personali dell'investitore. Altri scambi hanno un'assicurazione con copertura abbastanza bassa: Bithumb - fino a 6 miliardi di won (~ 5,3 milioni di dollari), Upbit - fino a 5 miliardi di won (~ 4,5 milioni di dollari), e Coinone e Korbit - fino a 3 miliardi di won (~ 2,7 milioni di dollari). La situazione in questo mercato cambierà presto radicalmente. A metà del 2018, l'associazione blockchain sudcoreana, di cui 23 membri sono membri, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che sta negoziando con Hyundai Marine & Fire Insurance e Hanwha General Insurance per fornire scambi di criptovaluta con copertura assicurativa di qualsiasi dimensione.

Protezione istituzionale degli investitori

Gli analisti di criptovaluta concordano sul fatto che la mancanza di strumenti esistenti per proteggere i fondi di criptovaluta è il motivo per cui gli investitori istituzionali non vogliono ancora entrare nel mercato. Nonostante ciò, nel gennaio dello scorso anno, il Cointelegraph ha annunciato un sondaggio condotto dalla società di ricerca PollRight, che ha mostrato un aumento del 41% degli investimenti istituzionali nei prossimi cinque anni.

I servizi di archiviazione delle criptovalute istituzionali sono forniti anche da società come Xapo, DACC, itBit e Kingdom Trust e il relativo nuovo arrivato tZERO, che consente di scambiare token di sicurezza.

Il secondo broker assicurativo più grande del mondo, Aon, ha recentemente annunciato la costituzione di un gruppo di assicuratori per fornire riserve di criptovaluta ai clienti di Metaco, una società impegnata nella conservazione di risorse digitali. Il gruppo è composto principalmente da assicuratori europei e offrirà alle istituzioni che utilizzano la soluzione SILO Metaco per i portafogli caldi e freddi (online e offline) un prodotto assicurativo contro i danni causati da atti criminali.

I produttori di portafogli hardware non si distinguono. Ledger ha siglato un accordo di partnership con la società fiduciaria di Hong Kong Legacy Trust, che si occupa di custodia delle attività, al fine di garantire la conservazione delle criptovalute "a livello istituzionale". Legacy Trust, utilizzando il prodotto Ledger Vault per la gestione di portafogli di criptovaluta multi-firma, ha dichiarato che ora può archiviare "in modo sicuro ed efficiente" le risorse digitali di clienti, come Bitcoin, e inizierà anche a offrire l'archiviazione di token ERC-20 sulla blockchain di Ethereum .

E sebbene oggi l'assicurazione sul mercato delle criptovalute non sia lo strumento più comune, è inevitabile mentre il mercato si sviluppa e gli investitori istituzionali vi entrano. Con l'introduzione della regolamentazione legislativa nel mondo, dovremmo aspettarci che l'assicurazione delle risorse digitali diventerà lo standard, così come avviene negli scambi finanziari classici.


Cosa ne pensi? Condividi nei commenti e seguici su Twitter!
Resta sintonizzato con Cryptogeek e segui il blog di criptovaluta insieme e non perderai le ultime notizie!



Qui non ci sono ancora commenti. Sarai il primo!