Transazioni senza commissioni: è reale?

Questa pagina è tradotta automaticamente. Apri la pagina in lingua originale.
Jun 10, 2020 1
Transazioni senza commissioni: è reale?

Ci sono evidenti ostacoli che ritardano l'adozione di massa di criptovalute e piattaforme basate su blockchain in generale, in particolare la volatilità dei prezzi (nel caso delle criptovalute) e la scarsa scalabilità (bassa capacità delle reti anche noto come problema del collo di bottiglia).

Tuttavia, la scalabilità dovrebbe essere migliorata: numerosi sviluppatori stanno lavorando per risolvere questo problema e i metodi sono diversi. Molto probabilmente questo problema verrà risolto con successo, è solo una questione di tempo. Inoltre, la volatilità dei prezzi di alcune criptovalute è abbastanza relativa. Nel marzo del 2020, molte valute nazionali erano più volatili rispetto al Bitcoin e ad altre criptovalute.

Tuttavia, c'è un altro problema (non così grande): le commissioni di transazione. A volte, le commissioni per le transazioni in criptovaluta sono difficilmente prevedibili o elevate. Non è qualcosa che rende attraente l'uso delle criptovalute. Inoltre, il fatto che alcune piattaforme blockchain o legate alla criptovaluta abbiano trovato il modo di eliminare le commissioni attira completamente la speranza che anche il problema dei costi per le transazioni possa essere risolto.

La missione di eliminazione delle tasse sembrava impossibile. Fu così prima che emergessero le prime piattaforme esenti da tasse e dimostrarono il contrario dalla loro stessa esistenza. In realtà i costi delle transazioni non sono stati completamente rimossi. È meglio dire che gli utenti di queste piattaforme non devono più pagare per le transazioni.

Il motivo per cui le commissioni erano necessarie è che i minatori o altri tipi di produttori di blocchi avevano bisogno di incentivi per continuare la convalida delle transazioni. L'estrazione mineraria è costosa mentre le ricompense minerarie diminuiscono gradualmente. Molti sviluppatori preferiscono continuare a riscuotere commissioni dagli utenti, ma fanno del loro meglio per ridurre i costi e renderli trascurabili. Tuttavia, la mente umana non conosce limiti e presto diversi team di sviluppo hanno creato piattaforme per l'elaborazione di transazioni senza costi. Queste piattaforme implementano nuovi approcci per premiare i produttori di blocchi.

Quali aziende hanno già smesso di riscuotere commissioni di transazione?

Un portafoglio multi-valuta Freewallet ha probabilmente guadagnato il suo nome a causa di una funzionalità di transazioni gratuite tra gli utenti registrati di questa piattaforma. Una delle ultime funzioni introdotte dal team di Freewallet è lo scambio rapido e gratuito. Supporta dozzine di token ERC20 e tali valute BTC, ETH, XMR, LTC, USDT, DOGE e molti altri. Utilizzando le soluzioni personalizzate il team di sviluppo ha reso possibile aumentare l'anonimato delle transazioni effettuate tramite questo servizio. Trasforma Freewallet in una nuova piattaforma di scambio con un tasso di cambio comparabile a quello dei leader del settore. La piattaforma sta pagando da sola tutte le spese di transazione e manutenzione liberando gli utenti da questi oneri. Tuttavia, la maggior parte delle piattaforme che offrono transazioni gratuite non sono portafogli o scambi, ma l'intera piattaforma blockchain decentralizzata. Di seguito tratteremo alcuni esempi notevoli.

Probabilmente una delle piattaforme blockchain più significative che non applicano commissioni di transazione è IOTA . Mentre su altre blockchain la conferma della transazione è "esternalizzata" a minatori o altre entità, gli utenti IOTA sono obbligati a confermare due transazioni precedenti per effettuare le proprie. In un certo senso gli utenti "pagano" per le transazioni con questo lavoro ma tecnicamente, IOTA ha eliminato con successo le commissioni nel loro senso ordinario.

Gli sviluppatori di alcune piattaforme preferiscono pagare le commissioni di transazione mentre gli utenti possono effettuare transazioni gratuitamente. Due dei progetti più significativi e di successo che utilizzano tali modelli sono EOS e NEO.

EOS ha introdotto una soluzione non convenzionale. Invece di pagare per le transazioni, gli utenti dovrebbero acquistare RAM al momento della creazione di un nuovo account. I produttori di blocchi ricevono premi perché i nuovi utenti pagano durante la registrazione e la RAM viene utilizzata per eseguire transazioni ed eseguire contratti intelligenti. Tale differenziazione mantiene l'equilibrio del sistema. Poiché EOS è destinato a essere un grande ecosistema per le app decentralizzate, è davvero importante non addebitare commissioni agli utenti poiché molte dApp non gestiscono affatto denaro (ad esempio, motori di ricerca decentralizzati) e dovrebbero operare gratuitamente per sopravvivere in concorrenza con giganti centralizzati come Google. Vale la pena dire che le spese della RAM sono considerate da alcuni non meno problemi delle commissioni di transazione.

Un'altra soluzione notevole viene utilizzata sulla piattaforma NEO . Questa blockchain ha il suo token nativo NEO e un token separato per pagare le commissioni di transazione, GAS. NEO è piuttosto una quota in una rete piuttosto che una misura di pagamento. Lo scambio di NEO non richiede il pagamento di commissioni. Per eseguire contratti intelligenti sulla blockchain NEO è necessario pagare 10 GAS. La maggior parte dei costi di transazione è a carico degli sviluppatori. Man mano che pagano le commissioni, il GAS speso viene distribuito tra gli utenti.

Alcune blockchain sono sviluppate e controllate da società centralizzate. Queste piattaforme non sono autonome e le aziende possono pagare le spese di transazione per i propri utenti a buona volontà. Questo è quello che fa Kik. Questa app di messaggistica è costruita sulla blockchain Kin e non prende commissioni dai suoi utenti in quanto sono pagati dalla società stessa.

Conclusione

Dobbiamo concordare con il creatore di EOS Dan Larimer che le persone saranno a malapena desiderose di pagare commissioni per servizi simili a quelli forniti da società centralizzate gratuitamente. Questo è il motivo per cui l'obiettivo di trovare la soluzione al compito di rimuovere i costi di transazione è abbastanza importante per rendere la blockchain una tecnologia tradizionale.

La cosa buona è che alcune aziende hanno già trovato modi più o meno efficienti per smettere di riscuotere le tasse. In particolare, la maggior parte di essi può essere trovata tra le principali società blockchain per capitalizzazione di mercato. Il loro successo significa che l'addebito di tasse agli utenti non è necessario per mantenere l'equilibrio e continuare a operare in modo eccellente. Speriamo che questo stimolerà gli altri sviluppatori a trovare soluzioni per far sviare gli utenti dal pagamento di ogni transazione.



antonso
28 June, 6:27 PM
I wish I see the day when all the comission will be canceled