Cos'è Virgin Bitcoin e perché è più costoso?

Questa pagina è tradotta automaticamente. Apri la pagina in lingua originale.
Apr 22, 2020 0
Cos'è Virgin Bitcoin e perché è più costoso?

Con l'introduzione di nuove regole per regolare le criptovalute, i cosiddetti "Virgin Bitcoin" stanno aumentando di prezzo. Molti investitori istituzionali e altri fondi sono disposti a pagare per loro il 20% in più rispetto al prezzo di mercato. Qual è la ragione di un tale pagamento in eccesso?

Secondo le nuove regole sviluppate dalla Task Force di azione finanziaria contro il riciclaggio di denaro (GAFI), gli scambi di criptovaluta sono richiesti per indicare un individuo nelle transazioni. Al momento, non sono ancora stati adottati, ma esiste una probabilità della loro integrazione nella legislazione di molti paesi leader.

A questo proposito, alcuni preferiscono acquistare esattamente i "Virgin Bitcoin" che sono appena stati estratti e pagano in eccesso per loro dal 10% al 30%.

logo
Scambia criptovalute al miglior prezzo in pochi minuti

Che cos'è "Virgin Bitcoin"?

Questa è una moneta che non ha una cronologia delle transazioni. Cioè, è stato estratto da un minatore e da allora non ha lasciato il suo portafoglio.

Perché sono così preziosi?

Il fatto è che gli investitori non vogliono avere a che fare con Bitcoin che potrebbero essere utilizzati sul mercato illecito, rubati o figurati in altre transazioni illegali. Dopotutto, esiste la possibilità che in futuro tali Bitcoin possano essere contrassegnati o completamente confiscati dalle autorità. Inoltre, i siti finanziari regolamentati possono smettere di accettare tali monete allo stesso modo in cui le banche non accettano denaro ricevuto dalla vendita di droghe.

Questo approccio contraddice l'idea di intercambiabilità dei Bitcoin, secondo la quale ogni moneta dovrebbe avere lo stesso prezzo ed essere scambiata liberamente con altre monete.

Gli istituzionali non vogliono correre rischi

Gli investitori istituzionali non possono permettersi di assumere rischi, quindi preferiscono effettuare solo le transazioni finanziarie in cui si osserva il principio di trasparenza nei confronti del mittente e del destinatario.

Tuttavia, è interessante notare che anche gli attaccanti che hanno ottenuto illegalmente la criptovaluta e hanno deciso di riciclarla amano "Virgin Bitcoin".

La quantità di BTC compromessa non è nota

Secondo CipherTrace, il 75% di tutte le transazioni darknet viene effettuato utilizzando Bitcoin, mentre Chainalysis stima che il numero totale di Bitcoin che ruotano su darknet sarà superiore a $ 1 miliardo quest'anno. Rappresentano circa l'1% di tutte le transazioni Bitcoin, sebbene la prima criptovaluta sia stata utilizzata più spesso su darknet.

All'inizio dello scorso anno, i ricercatori dell'Università di Sydney sono stati in grado di stabilire che fino al 44% di tutte le transazioni nella rete Bitcoin erano correlate ad attività illegali.

Questi dati sono significativamente diversi dalle altre ricerche, secondo le quali il grado di utilizzo di BTC da parte dei rappresentanti del mondo criminale è molto più basso.


Cosa ne pensi? Condividi nei commenti e seguici su Twitter!
Resta sintonizzato con Cryptogeek e segui il blog di criptovaluta insieme e non perderai le ultime notizie!



Qui non ci sono ancora commenti. Sarai il primo!